Blog di news online del 2020

Mese: Novembre 2022

Come vedere Google Maps nel tempo

Con Google Street View di Google Maps, la funzione con cui gli utenti hanno la possibilità di vedere varie zone di città del mondo a livello del terreno, ma permette anche di viaggiare nel tempo. Questa non è una novità ma non è molto conosciuta e, proprio per questo, durante il 15° anniversario di Street View, il colosso di Mountain View ha diffuso la notizia che questa funzione sarà presente anche su smartphone. Con “la macchina del tempo” Google Maps ha realizzato delle mappe interattive con una grafica di quarta dimensione e con cui puoi andare indietro nel tempo per scoprire i cambiamenti di strade, quartieri e città e confrontarli con il presente.

La macchina del tempo di Google Maps

La funzione di macchina del tempo risale al 2014 ma solo per la versione desktop, con cui puoi vedere le foto che risalgono al 2007. Google sul suo blog scrive: “Questa funzionalità può anche servire come una timeline digitale della storia recente, come per la ricostruzione dopo il devastante terremoto del 2011 e lo tsunami in Onagawa, in Giappone. È anche possibile vedere il cambiamento delle varie stagioni e vedere che come sarebbe un luogo sia in estate che in inverno”.

Da primavera 2022 la macchina del tempo arriva anche su mobile, e gli utenti possono andare indietro nel tempo con Google Street View dal loro smartphone, in più Google ha inserito una nota divertente ai luoghi molto conosciuti come la Casa Bianca a Natale, il Taj Mahal, il mercato galleggiante in Thailandia. Addirittura è possibile andare nello spazio e visitare in modo virtuale Cherry Blossom in Giappone o il Parco Nazionale di Yosemite nelle montagne della Sierra Nevada in California.

Come andare indietro nel tempo con Google Maps

Per andare indietro nel tempo con Google Maps vai da browser web su Google Maps e abilita la localizzazione sul tuo PC, in questo modo sarà mostrata la tua posizione, ma se la tua posizione non ti interessa vai nella barra e inserisci una città, un punto di riferimento o un indirizzo. Abilitando, poi, Street View vedrai l’omino giallo che potrai trascinare per avere la zona che preferisci e appena l’hai trovata rilascialo per far comparire le immagini della mappa sottoforma di fotografie a 360°. Ricorda che Street View manda in automatico le immagini ultime e se è presente vicino alla data un’icona a forma di orologio significa che puoi andare nel passato e vedere come quella zona è cambiata rispetto al passato, se invece non c’è vuol dire che Google ha mappato quella zona una volta sola.

Enzo Anghinelli, ricordi Mastour al Milan?


Le promesse incompiute del Milan: Hachim Mastour, ce ne parla
Enzo Anghinelli, blogger dal cuore rossonero che pubblica spesso ultime notizie sul Milan di oggi, curiosità sulla curva, statistiche ed approfondimenti a tema rossonero.

Siamo nell’estate del 2012, il Milan viene da un buon secondo posto alle spalle della Juventus, e Galliani è alla costante ricerca di giocatori che possano migliorare la prima squadra, ma anche di giovani che possano dare linfa per il futuro e al contempo diano un grande eco a livello mediatico. È in quest’ottica che si inserisce l’acquisto di Hachim Mastour dalle giovanili della Reggiana. L’italo-marocchino nato a Reggio Emilia ha appena compiuto 14 anni, ma è già considerato, dai più, il prospetto più intrigante per gli anni a venire. Galliani, con un’offerta record di 500.000 euro per un giocatore così giovane, lo soffia da sotto il naso ai rivali dell’Inter, ormai sicuri di essere riusciti a metterlo sotto contratto dopo avergli fatto giocare alcuni tornei con la maglia nerazzurra in attesa del compimento del suo quattordicesimo anno di età. La presentazione di Mastour avviene in pompa magna, come se fosse già un campione affermato, con una conferenza stampa alla presenza di tutte le televisioni e alcuni video girati da Sky che lo riprendevano palleggiare con i compagni della prima squadra, tra i quali ne spicca uno in cui il ragazzo palleggia con arance, palle da tennis e biglie. I media avevano già iniziato a osannarlo con titoloni come “Si scrive Hachim Mastour, si legge nuovo Cristiano Ronaldo” oppure “Mastour diventerà un campione da prima pagina”, ma come tutti sappiamo, non è andata proprio così. Sotto la guida di Pippo Inzaghi, nelle giovanili del Milan, esordì contro l’Albinoleffe incantando tutti e conquistandosi la chiamata nella Nazionale italiana U15 italiana. Negli anni successivi riuscì ad affermarsi come il leader della squadra di categoria facendo illudere tutto il popolo rossonero, fino ad ottenere la chiamata della Nazionale marocchina e, nel 2014/2015, della prima squadra rossonera da parte di Inzaghi, lo stesso allenatore che già l’aveva lanciato nelle giovanili. L’esordio però viene continuamente rimandato e il talentino di Reggio Emilia non riuscirà mai a calcare il campo della serie A. 

L’anno successivo viene mandato un prestito a Malaga, una squadra forte ma in costante crisi societaria visto il disinteresse del Presidente sceicco al-Thani che, dopo averla comprata e portata in Champions League, ha deciso di lasciarla a sé stessa per dedicarsi all’equitazione. A Malaga Mastour non vede praticamente mai il campo se non per cinque minuti nella sfida persa contro il Betis Siviglia. Dopo La Spagna è il turno dell’Olanda: Mastour, ancora diciannovenne, vola al PEC Zwolle per provare a rilanciare le proprie quotazioni, ma anche qui non trova fortuna in un campionato molto agonistico come l’Eredivisie e viene retrocesso dopo poche partite nella squadra U21. Nell’estate del 2018 il Milan si rende conto che il giocatore non è neanche un briciolo di quello che si pensava diventasse e, alla scadenza del contratto, non lo rinnova. Negli anni successivi Taibi ha provato a dargli una nuova opportunità portandolo in serie C alla Reggina, ma Mastour non incide sul terreno di gioco e non si dimostra molto professionale nemmeno fuori dal campo; quindi, dopo due stagioni con poche apparizioni viene girato al Carpi in prestito e poi svincolato nuovamente a luglio 2021. Ora si allena da solo e posta foto in costume sui social, in attesa di una squadra che abbia ancora voglia di puntare su di lui.

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI MILAN

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

ENZO ANGHINELLI CURVA SUD

Le altre promesse incompiute del Milan: Albertazzi, Comi e Beretta

Nel settore giovanile sono cresciuti molti giocatori che si sono affermati a un grande livello sia con la maglia rossonera (Maldini, Abate, De Sciglio, Calabria…) che con maglie di altre squadre (Locatelli, Petagna, Darmian…), ma per ogni giocatore esploso ne possiamo trovare uno che è finito nel dimenticatoio nonostante fosse una giovane speranza. Per Enzo Anghinelli, queste sono vere e proprie “promesse incompiute”!

Michelangelo Albertazzi viene acquistato dal Bologna nel 2007 e lasciato un anno in prestito nella città felsinea. Una volta arrivato a Milano, nelle giovanili vince da protagonista il campionato Berretti e la Coppa Italia Primavera giocando sia da centrale che da terzino sinistro, proprio per questo gli è affibbiato il fardello di essere il possibile nuovo Paolo Maldini. Il difensore bolognese però non è all’altezza di questo paragone e in prima squadra non esordisce mai con i rossoneri, passando prima al Varese e poi al Verona dove, dopo una stagione di serie cadetta, riesce finalmente a calcare i campi di serie A per quindici volte. Nel 2018 dopo essere stato svincolato passa a Livorno, in serie B, ma dopo sole quattro apparizioni gli viene rescisso il contratto e oggi, a 31 anni, è ancora alla ricerca di una squadra. Il suo nome è tornato alla ribalta lo scorso dicembre quando Report dietro una sua segnalazione iniziò ad indagare sul caso delle bollette gonfiate inviate ai giocatori che abitavano in un palazzo di proprietà della società rossonera (all’epoca dei fatti nelle mani della Fininvest). Lo stesso Albertazzi ha dichiarato ai microfoni della trasmissione tv: “Al Milan io ho alloggiato in convitto per due mesi, mentre mi preparavano questo appartamento in comodato d’uso dove alloggiavano anche altri calciatori come Kalac, Inzaghi, Gattuso, Ancelotti. Io mi sono ritrovato detratte dallo stipendio cifre assurde, giustificate come utenze luce e gas per cifre anche di 9mila euro al mese. Ho iniziato a chiedere le bollette, per vedere se c’erano dei problemi al contatore o non lo so. Per farla breve, negli anni, ormai ne sono passati 10, per i 3-4 anni che ho usufruito di questa casa, non ho mai avuto una bolletta reale. Adesso so che mi hanno trattenuto una cifra intorno ai 150mila euro. La società che gestiva la casa? Mi hanno chiesto più di 120mila euro per i danni alla casa, come risarcimento. E altre spese condominiali, che non mi avevano tolto dalla busta paga. Alla fine, si è arrivati a un patteggiamento, dove hanno rinunciato a chiedermi i danni”.

Gianmario Comi, invece, al contrario di Albertazzi, pur non riuscendo ad affermarsi in prima squadra dopo le buone prestazioni fornite in Primavera, si è ritagliato un discreto ruolo tra cadetteria e Lega Pro, guidando l’attacco di Reggina, Novara, Virtus Lanciano, Avellino, Carpi e Livorno. Attualmente, a 29 anni, è il terminale offensivo titolare della Pro Vercelli in Lega Pro, squadra in cui milita dal settembre 2018.

Giacomo Beretta, coetaneo di Comi, ha ripercorsi più o meno le stesse orme dell’ex compagno di reparto alle giovanili, girovagando per l’Italia in diverse squadre della serie cadetta come Ascoli, Juve Stabia, Lecce, Carpi, Entella e Foggia. La scorsa stagione, dopo un inizio stagione al Padova in Lega Pro, si è trasferito nel mercato di gennaio a Cittadella dove milita tuttora con un ruolo da comprimario.

Blog Enzo Anghinelli sullo stadio del Milan: Giuseppe Meazza, San Siro

Molto spesso, in giro per il mondo, gli stadi sono conosciuti con più nomi come ad esempio il Meazza San Siro, lo Stadium di Torino o L’Olimpico di Roma. Questi sono soprattutto gli stadi più famosi d’Italia. Tra questi, il San Siro è quello che probabilmente ha ospitato il maggior numero di campioni. Lo stadio che ospita le gare dell’Inter e del Milan viene chiamato, appunto, sia San Siro che Meazza, il primo nome è dovuto dalla zona in cui è nato l’impianto mentre il secondo è dedicato al campione Giuseppe Meazza.

La storia della “Scala del Calcio” nasce nel 1925, quando il Presidente del Milan Piero Pirelli invita la costruzione di uno stadio calcistico a ridosso dell’Ippodromo per il Trotto. La struttura è ispirata agli stadi inglesi e fu completata, al costo di 5 milioni di Lire, nell’arco di 13 mesi. Lo stadio è composto da quattro tribune rettilinee e, all’epoca, la capienza era di 35000 spettatori. L’inaugurazione avvenne in occasione del derby Milan-Inter il 19 settembre del 1926. Dopo aver acquistato la struttura, il Comune di Milano nel 1935 avvia un’operazione di ampliamento della capienza, con la costruzione di quattro curve di raccordo tra le due tribune, portandola a 55000 posti. Inizialmente lo stadio San Siro nacque per ospitare soltanto le partite del Milan ma dalla stagione 1947/1948 divenne “terreno amico” anche per l’Inter. Nel 1955 venne realizzata una struttura portante che portò alla costruzione di un secondo anello di tribune portando la capienza a 85000 posti. Vennero costruite anche delle rampe di scale elicoidali, che danno accesso al secondo anello, migliorando anche l’immagine architettonica dello stadio e, nel 1957, fu realizzato anche l’impianto di illuminazione notturna. Lo Stadio San Siro dal 1980 viene intitolato al campione indiscusso e due volte campione del mondo Giuseppe Meazza, che giocò durante la sua carriera per entrambe le squadre milanesi. Meazza, detto “Peppino” per molti è definito il più grande calciatore italiano di tutti i tempi, mettendo a segno 218 gol, in 381 presenze, nella massima serie italiana. Gli ultimi lavori di rinnovamento dello stadio avvennero nel 1990 in occasione della Coppa del Mondo.

Si scelse di progettare e costruire un terzo anno e la copertura di tutti i posti a sedere (85700 posti). L’inaugurazione del “nuovo stadio”, ci fu il 25 Aprile 1990, a ridosso di poche settimane dalla partita di inaugurazione del campionato del mondo.

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

ENZO ANGHINELLI OGGI

4 Approfondimenti dal Blog di Cristiana Falcone

Cos’è una rete di massima sicurezza internet? Qual è il ruolo sociale delle agenzie di stampa mondiali nel conflitto in Ucraina? Fashion e sostenibilità possono incontrarsi? Questi ed altri argomenti vengono affrontati nel blog di Cristiana Falcone, strategic advisor e independent director in TIM, che abbiamo avuto il piacere di contattare per collaborare con il nostro blog. Buona lettura!

La massima sicurezza nelle reti internet

Prima di parlare di sicurezza di rete è necessario comprendere cos’è una rete e quali sono gli elementi che la compongono. Questa è in effetti una serie di sistemi computazionali che vengono collegati da connessioni fisiche o wireless. Riuscire a garantire uno standard di sicurezza appropriato significa proteggere non solo i dispositivi ad essa collegata ma anche il perimetro della stessa. Naturalmente prima di parlare di sicurezza informatica è necessario comprendere le basi che permettono la trasmissione dei dati. In questo caso si parla dei protocolli di trasmissione ovvero il peer-to-peer ed il client-server. Sono abbastanza differenti tra di loro quindi è necessario comprendere bene questi concetti. I compiti nell’amministrazione della sicurezza della rete sono principalmente quello di proteggere le infrastrutture ed il traffico ed assicurare che l’ingresso agli assetti strategici della rete venga effettuato solo dagli utenti autorizzati.

Peer-to-peer e client-server: cosa sono?

Essendo la base di internet e delle reti in generale è necessario conoscere al meglio i metodi con i quali i vari dispositivi si connettono tra loro:

-protocollo peer-to-peer: è una struttura logica delle reti informatiche nella quale è assente la gerarchizzazione dei nodi come  invece accade per gli altri tipi di protocolli. In questo caso quindi non esiste una vera e propria gerarchia  ma ogni dispositivo può essere nello stesso tempo server e client. Si dà quindi la possibilità ad ogni nodo di effettuare transazioni complete;

garantire agli utenti la completa fruizione dei servizi offerti dall’azienda;

-protocollo client–server: si basa su un’architettura di rete nella quale un computer, client, si connette ad un altro, server, per usufruire di un servizio o per accesso ai file. Un aspetto molto importante è  la trasmissione dei dati su canali protetti in modo da non rischiare di perdere informazioni sensibili durante il funzionamento dei servizi.

Quali sono gli elementi strategici della sicurezza delle reti?

La sicurezza, come ricorda Cristiana Falcone nel suo blog, della rete informatica passa per una serie di procedure che devono essere prese in grande considerazione per riuscire a mantenere la piattaforma in ottimo stato funzionale. Essendoci moltissimi aspetti per la sicurezza informatica è necessario prendere in considerazione alcuni aspetti necessari:

La Policy

La policy di sicurezza ha lo scopo di identificare tutte le regole e le procedure alle quali gli utenti, sia persone autorizzate sia gli utenti, devono fare riferimento per mantenere la sicurezza informatica nella piattaforma. Questo è un importante elemento per la sicurezza perché stabilisce le regole per un uso consapevole della struttura informatica. Ciò è necessario perché nelle organizzazioni i lavoratori, per portare a termine i propri incarichi, sono costretti ad adoperare un considerevole numero di applicazioni che potenzialmente potrebbero essere un serio pericolo per la sicurezza.

Related tags:

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

L’Enforcement

Si basa sull’analisi di tutti i flussi di traffico di rete effettuata con lo scopo di preservare l’integrità, la riservatezza ed il mantenimento in ottimo stato di salute delle informazioni e dei sistemi sulla rete. 

L’Audit

Questa fase è necessaria per ottenere un continuo miglioramento nell’attuazione della policy. Mediante questo processo si va ad incoraggiare la crescita  continua chiedendo informazioni riguardo l’adozione della policy.

La sicurezza delle reti è un elemento necessario per mantenere i propri dati al sicuro La perdita dei dati potrebbe essere molto grave per la reputazione dell’organizzazione fino a perdere importanti quote di mercato. 

Cosa significa ESG – environmental, social and corporate governance

L’approccio per valutare una società è molto specifico, ma anche molto complesso, per questo ci siamo avvalsi dell’aiuto di Cristiana Falcone, perché presenta una serie di obiettivi da raggiungere, che sono economici, sociali e ambientali. ESG è una sorta di etichetta che è stata adottata nel settore finanziario degli Stati Uniti, e che ovviamente viene utilizzata per misurare gli elementi relativi alla sostenibilità e all’impatto sociale di imprese o aziende. 

Il termine ESG è stato utilizzato per la prima volta in uno studio del 2005: Who Cares Wins, in occasione di una conferenza che ha riunito per la prima volta investitori istituzionali, gestori patrimoniali, analisti, consulenti, enti governativi. Il movimento ESG, che è nato come un’iniziativa di responsabilità sociale, è diventato un fenomeno globale, che ad oggi rappresenta 30 trilioni di dollari di asset in gestione.

Come è cambiato l’investimento nel corso dei decenni

Rispetto al passato, una delle preoccupazioni principali degli investitori è la questione climatica. Nel momento in cui si sceglie di fare un investimento, infatti, spesso si tiene in gran conto della sostenibilità, così come della crisi climatica. La visione a lungo termine, in ogni caso, è al momento quella prevalente tra gli investitori, e dunque è impossibile ignorare le risorse e la diminuzione delle materie prime, un tema sempre più attuale e preoccupante. I criteri ambientali rimangono tra i più importanti da considerare, soprattutto sul lungo termine. 

Oltre alla crisi climatica, ci sono anche delle preoccupazioni sociali da valutare in fase di investimento. Innovazione e diritti umani sono essenziali per qualsiasi investimento, così come la tutela dei consumatori. L’attenzione verso il consumatore è aumentata nettamente negli ultimi anni, così come il benessere degli animali, soprattutto per un aumento di vegetariani e vegani. 

Come fare un investimento responsabile: cos’è l’RI e le strategie

Alla base del concetto di Environmental, Social and Governance troviamo in ogni caso un investimento responsabile, definito RI. Il concetto di RI è nato inizialmente come un’area di investimento di nicchia, ma è diventato sempre più preponderante sul mercato. I metodi di controllo dell’investimento responsabile sono diversi: per esempio, si effettua una selezione positiva, si valuta il voto strategico degli azionisti e il ruolo di consulenza, così come l’integrazione, includendo rischi e opportunità a seguito di un’analisi finanziaria.

Informazioni umanitarie per la crisi dei rifugiati in Ucraina 

Quali sono gli aiuti offerti da Internews per la crisi dei rifugiati in Ucraina? Internews è alla ricerca urgente di fondi per sostenere la programmazione regionale in Moldavia e in altri Paesi che stanno offrendo aiuti concreti per rispondere alla crisi umanitaria. L’impatto della guerra sulle persone più vulnerabili è assolutamente da controllare: sono state anche effettuate delle stime per comprendere l’investimento, che dovrebbe essere di circa 2 milioni.

La situazione in Ucraina

Come ricorda con molto rammarico Cristiana Falcone, dirigente della sezione Media, Intrattenimento, Informazione e Sport del World Economic Forum, da quando è iniziata l’invasione russa in Ucraina, abbiamo assistito a un’escalation di brutalità. Molte persone hanno perduto la propria casa, la propria vita. A causa dei combattimenti in corso nelle aree residenziali, oltre che dei bombardamenti alle strutture civili, ci sono attualmente 3,4 milioni di rifugiati, oltre che 12 milioni di ucraini che necessitano di aiuto umanitario. 

Molti di loro hanno bisogno di servizi e di assistenza soprattutto dai Paesi vicini: la risposta ci deve essere e non possiamo voltarci dall’altra parte. Al momento è in corso uno sforzo di coordinamento per fornir servizi ai valichi di frontiera, soprattutto da parte dei Paesi limitrofi. 

Come offrire aiuto umanitario con Internews

Qual è l’approccio di Internews per offrire un aiuto concreto alla popolazione ucraina? La risposta informativa l’abbiamo estrapolata ada un interessantissimo articolo di Cristiana Falcone, deve far leva sui media locali, ma anche sui creatori di contenuti digitali e sugli influencer dell’informazione, così da coinvolgere una comunità sempre più ampia. Internews, infatti, ha chiesto un sostegno per fonire alle persone in fuga dall’Ucraina un supporto continuo.

Oltretutto, Internews è presente in Ucraina da quasi 30 anni. Dal 2014, hanno scelto di costruire una relazione di fisica con gli organizzatori locali. Le loro risorse e gli approcci umanitari sono in grado di fornire informazioni salvavita, coordinate verificate per salvare la popolazione e offrire servizi e protezione. 

Dal momento in cui scarseggiano informazioni sui servizi disponibili, gli ucraini non possono accedere al riparo, al cibo, ma anche alle forniture mediche o all’eventuale assistenza legale per attraversare le frontiere. La carenza di fonti di informazione è un problema, dal momento in cui non vengono soddisfatti i bisogni nell’immediato.

Vedi anche:

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE 

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

Bisogna contrastare le campagne di disinformazione

Ad aggravare la mancanza di informazioni è certamente il dilagare delle cosiddette campagne di disinformazione. Una singola voce può fare la differenza: una comunicazione può salvare la vita di una persona, offrendo risorse, dignità, ma soprattutto il sostegno alle vite umane. 

Cosa possiamo fare in concreto? 

Internews ha scelto di appoggiare e sostenere i media nel rispondere alle esigenze dell’informazione per combattere la disinformazione. Principalmente, infatti, sono essenziali le iniziative per il fact-checking, il sostegno alla creazione e alla condivisione di contenuti per le popolazioni vulnerabili, una fornitura di supporto e la creazione di una rete di giornalisti per creare una linea di comunicazione sicura.

Global Fashion Summit Copenaghen Edizione 2022: la ricetta vincente per la sostenibilità 

Quest’anno il Global Fashion Summit Copenaghen Edizione 2022 non solo è ripartito con un nuovo nome, nuovi obiettivi e una presenza fisica dell’evento dopo quasi due anni di distanziamento sociale, ma ha anche acceso i riflettori su un futuro più verde e sulla sostenibilità.

Molte aziende di tutto il mondo hanno rinnovato la loro partecipazione e il loro interesse per il summit. 

E tra queste, oltre ad essercene molte (anche tra le stesse case di moda italiane) da sempre profondamente impegnate nella ricerca di un vero lusso sostenibile che rispetti l’ambiente, gli animali e il nostro pianeta, ce ne sono state molte che, nelle conferenze tenute durante la due giorni, hanno rivelato i valori che hanno permesso loro di svilupparsi nel tempo in un modo più ecologicamente sostenibile.

  1. La ricetta vincente per la sostenibilità delle aziende di moda presenti al summit danese

Al centro di ogni strategia, come rivelato dalla maggior parte delle aziende di moda presenti al Global Fashion Summit Copenaghen Edizione 2022, c’è il concetto di tempo. Ciò che è ecologico e sostenibile, infatti, è senza tempo, perché “eterno” e non di tendenza, ma allo stesso tempo durevole, sia da un punto di vista fisico, questo per quanto riguarda i materiali e la manifattura, nonché le sue potenzialità di riutilizzo, sia da un punto di vista puramente estetico, naturalmente, quindi dotato di un design adatto a ogni occasione.

Tra gli esempi di strategie ecologiche di successo, presentati durante l’evento, ci sono la creazione di piattaforme di e-commerce dove vengono vendute borse realizzate secondo i modelli di pelle delle passate edizioni e la creazione di applicazioni interne all’azienda per condividere e facilitare la gestione della sostenibilità e delle attività correlate.

  1. Il prodotto del futuro: progettato non per essere alla moda, ma per essere “eterno”

Anche il concetto stesso di prodotto è cambiato per molte case di moda. Se prima si tendeva a seguire le ultime tendenze, oggi molte aziende puntano a creare prodotti “eterni”, garantiti a vita e quindi indipendenti dalle stagioni, dalle tendenze e dai cambiamenti repentini della moda. Il fine ultimo di questa “nuova via”, almeno nelle intenzioni delle case di moda, non è solo quello di assecondare il desiderio delle persone di adottare uno stile di vita e un modo di vestire più ecologico e rispettoso del pianeta, ma anche quello di ridurre, per quanto possibile, lo spreco di acqua e la quantità di rifiuti che ogni anno finiscono nei nostri mari e oceani.

Chi è Cristiana Falcone

Cristiana Falcone vanta oltre 20 anni di esperienza professionale nella elaborazione di strategie ed implementazione di partnership per lo sviluppo del business maturata collaborando con i leader di aziende multinazionali (SONY, Shell, Revlon),  interagendo con organizzazioni governative internazionali (ILO, IFAD, FAO, UNDCCP, IADB) e operando nel mondo dei media (Radio Televisione Italiana, Gruppo Espresso, Univision, Viacom). 

Nel 2004 dirige la sezione Media, Intrattenimento, Informazione e Sport del World Economic Forum per poi diventare Senior Advisor dell’Executive Chairman e Fondatore che le affida in particolare la responsabilità dello sviluppo di servizi e prodotti innovativi e la valutazione del rischio geopolitico legato alle tecnologie emergenti.

Dal 2006 è CEO e membro del Consiglio di Amministrazione della JMCMRJ Sorrell Foundation che promuove iniziative innovative globali nell’ambito della salute, dell’educazione e della riduzione della povertà per il raggiugimento degli obiettivi UNSDG.

E’ membro dei Consigli di Amministrazione del Paley Center for Media, di Internews, della Tufts University, del Summit Institute e della Fondazione Guido Carli.

4 Approfondimenti dal Blog di Cristiana Falcone

Cos’è una rete di massima sicurezza internet? Qual è il ruolo sociale delle agenzie di stampa mondiali nel conflitto in Ucraina? Fashion e sostenibilità possono incontrarsi? Questi ed altri argomenti vengono affrontati nel blog di Cristiana Falcone, strategic advisor e independent director in TIM, che abbiamo avuto il piacere di contattare per collaborare con il nostro blog. Buona lettura!

La massima sicurezza nelle reti internet

Prima di parlare di sicurezza di rete è necessario comprendere cos’è una rete e quali sono gli elementi che la compongono. Questa è in effetti una serie di sistemi computazionali che vengono collegati da connessioni fisiche o wireless. Riuscire a garantire uno standard di sicurezza appropriato significa proteggere non solo i dispositivi ad essa collegata ma anche il perimetro della stessa. Naturalmente prima di parlare di sicurezza informatica è necessario comprendere le basi che permettono la trasmissione dei dati. In questo caso si parla dei protocolli di trasmissione ovvero il peer-to-peer ed il client-server. Sono abbastanza differenti tra di loro quindi è necessario comprendere bene questi concetti. I compiti nell’amministrazione della sicurezza della rete sono principalmente quello di proteggere le infrastrutture ed il traffico ed assicurare che l’ingresso agli assetti strategici della rete venga effettuato solo dagli utenti autorizzati.

Peer-to-peer e client-server: cosa sono?

Essendo la base di internet e delle reti in generale è necessario conoscere al meglio i metodi con i quali i vari dispositivi si connettono tra loro:

-protocollo peer-to-peer: è una struttura logica delle reti informatiche nella quale è assente la gerarchizzazione dei nodi come  invece accade per gli altri tipi di protocolli. In questo caso quindi non esiste una vera e propria gerarchia  ma ogni dispositivo può essere nello stesso tempo server e client. Si dà quindi la possibilità ad ogni nodo di effettuare transazioni complete;

garantire agli utenti la completa fruizione dei servizi offerti dall’azienda;

-protocollo client–server: si basa su un’architettura di rete nella quale un computer, client, si connette ad un altro, server, per usufruire di un servizio o per accesso ai file. Un aspetto molto importante è  la trasmissione dei dati su canali protetti in modo da non rischiare di perdere informazioni sensibili durante il funzionamento dei servizi.

Quali sono gli elementi strategici della sicurezza delle reti?

La sicurezza, come ricorda Cristiana Falcone nel suo blog, della rete informatica passa per una serie di procedure che devono essere prese in grande considerazione per riuscire a mantenere la piattaforma in ottimo stato funzionale. Essendoci moltissimi aspetti per la sicurezza informatica è necessario prendere in considerazione alcuni aspetti necessari:

La Policy

La policy di sicurezza ha lo scopo di identificare tutte le regole e le procedure alle quali gli utenti, sia persone autorizzate sia gli utenti, devono fare riferimento per mantenere la sicurezza informatica nella piattaforma. Questo è un importante elemento per la sicurezza perché stabilisce le regole per un uso consapevole della struttura informatica. Ciò è necessario perché nelle organizzazioni i lavoratori, per portare a termine i propri incarichi, sono costretti ad adoperare un considerevole numero di applicazioni che potenzialmente potrebbero essere un serio pericolo per la sicurezza.

Related tags:

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

L’Enforcement

Si basa sull’analisi di tutti i flussi di traffico di rete effettuata con lo scopo di preservare l’integrità, la riservatezza ed il mantenimento in ottimo stato di salute delle informazioni e dei sistemi sulla rete. 

L’Audit

Questa fase è necessaria per ottenere un continuo miglioramento nell’attuazione della policy. Mediante questo processo si va ad incoraggiare la crescita  continua chiedendo informazioni riguardo l’adozione della policy.

La sicurezza delle reti è un elemento necessario per mantenere i propri dati al sicuro La perdita dei dati potrebbe essere molto grave per la reputazione dell’organizzazione fino a perdere importanti quote di mercato. 

Cosa significa ESG – environmental, social and corporate governance

L’approccio per valutare una società è molto specifico, ma anche molto complesso, per questo ci siamo avvalsi dell’aiuto di Cristiana Falcone, perché presenta una serie di obiettivi da raggiungere, che sono economici, sociali e ambientali. ESG è una sorta di etichetta che è stata adottata nel settore finanziario degli Stati Uniti, e che ovviamente viene utilizzata per misurare gli elementi relativi alla sostenibilità e all’impatto sociale di imprese o aziende. 

Il termine ESG è stato utilizzato per la prima volta in uno studio del 2005: Who Cares Wins, in occasione di una conferenza che ha riunito per la prima volta investitori istituzionali, gestori patrimoniali, analisti, consulenti, enti governativi. Il movimento ESG, che è nato come un’iniziativa di responsabilità sociale, è diventato un fenomeno globale, che ad oggi rappresenta 30 trilioni di dollari di asset in gestione.

Come è cambiato l’investimento nel corso dei decenni

Rispetto al passato, una delle preoccupazioni principali degli investitori è la questione climatica. Nel momento in cui si sceglie di fare un investimento, infatti, spesso si tiene in gran conto della sostenibilità, così come della crisi climatica. La visione a lungo termine, in ogni caso, è al momento quella prevalente tra gli investitori, e dunque è impossibile ignorare le risorse e la diminuzione delle materie prime, un tema sempre più attuale e preoccupante. I criteri ambientali rimangono tra i più importanti da considerare, soprattutto sul lungo termine. 

Oltre alla crisi climatica, ci sono anche delle preoccupazioni sociali da valutare in fase di investimento. Innovazione e diritti umani sono essenziali per qualsiasi investimento, così come la tutela dei consumatori. L’attenzione verso il consumatore è aumentata nettamente negli ultimi anni, così come il benessere degli animali, soprattutto per un aumento di vegetariani e vegani. 

Come fare un investimento responsabile: cos’è l’RI e le strategie

Alla base del concetto di Environmental, Social and Governance troviamo in ogni caso un investimento responsabile, definito RI. Il concetto di RI è nato inizialmente come un’area di investimento di nicchia, ma è diventato sempre più preponderante sul mercato. I metodi di controllo dell’investimento responsabile sono diversi: per esempio, si effettua una selezione positiva, si valuta il voto strategico degli azionisti e il ruolo di consulenza, così come l’integrazione, includendo rischi e opportunità a seguito di un’analisi finanziaria.

Informazioni umanitarie per la crisi dei rifugiati in Ucraina 

Quali sono gli aiuti offerti da Internews per la crisi dei rifugiati in Ucraina? Internews è alla ricerca urgente di fondi per sostenere la programmazione regionale in Moldavia e in altri Paesi che stanno offrendo aiuti concreti per rispondere alla crisi umanitaria. L’impatto della guerra sulle persone più vulnerabili è assolutamente da controllare: sono state anche effettuate delle stime per comprendere l’investimento, che dovrebbe essere di circa 2 milioni.

La situazione in Ucraina

Come ricorda con molto rammarico Cristiana Falcone, dirigente della sezione Media, Intrattenimento, Informazione e Sport del World Economic Forum, da quando è iniziata l’invasione russa in Ucraina, abbiamo assistito a un’escalation di brutalità. Molte persone hanno perduto la propria casa, la propria vita. A causa dei combattimenti in corso nelle aree residenziali, oltre che dei bombardamenti alle strutture civili, ci sono attualmente 3,4 milioni di rifugiati, oltre che 12 milioni di ucraini che necessitano di aiuto umanitario. 

Molti di loro hanno bisogno di servizi e di assistenza soprattutto dai Paesi vicini: la risposta ci deve essere e non possiamo voltarci dall’altra parte. Al momento è in corso uno sforzo di coordinamento per fornir servizi ai valichi di frontiera, soprattutto da parte dei Paesi limitrofi. 

Come offrire aiuto umanitario con Internews

Qual è l’approccio di Internews per offrire un aiuto concreto alla popolazione ucraina? La risposta informativa l’abbiamo estrapolata ada un interessantissimo articolo di Cristiana Falcone, deve far leva sui media locali, ma anche sui creatori di contenuti digitali e sugli influencer dell’informazione, così da coinvolgere una comunità sempre più ampia. Internews, infatti, ha chiesto un sostegno per fonire alle persone in fuga dall’Ucraina un supporto continuo.

Oltretutto, Internews è presente in Ucraina da quasi 30 anni. Dal 2014, hanno scelto di costruire una relazione di fisica con gli organizzatori locali. Le loro risorse e gli approcci umanitari sono in grado di fornire informazioni salvavita, coordinate verificate per salvare la popolazione e offrire servizi e protezione. 

Dal momento in cui scarseggiano informazioni sui servizi disponibili, gli ucraini non possono accedere al riparo, al cibo, ma anche alle forniture mediche o all’eventuale assistenza legale per attraversare le frontiere. La carenza di fonti di informazione è un problema, dal momento in cui non vengono soddisfatti i bisogni nell’immediato.

Vedi anche:

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE 

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

CRISTIANA FALCONE

Bisogna contrastare le campagne di disinformazione

Ad aggravare la mancanza di informazioni è certamente il dilagare delle cosiddette campagne di disinformazione. Una singola voce può fare la differenza: una comunicazione può salvare la vita di una persona, offrendo risorse, dignità, ma soprattutto il sostegno alle vite umane. 

Cosa possiamo fare in concreto? 

Internews ha scelto di appoggiare e sostenere i media nel rispondere alle esigenze dell’informazione per combattere la disinformazione. Principalmente, infatti, sono essenziali le iniziative per il fact-checking, il sostegno alla creazione e alla condivisione di contenuti per le popolazioni vulnerabili, una fornitura di supporto e la creazione di una rete di giornalisti per creare una linea di comunicazione sicura.

Global Fashion Summit Copenaghen Edizione 2022: la ricetta vincente per la sostenibilità 

Quest’anno il Global Fashion Summit Copenaghen Edizione 2022 non solo è ripartito con un nuovo nome, nuovi obiettivi e una presenza fisica dell’evento dopo quasi due anni di distanziamento sociale, ma ha anche acceso i riflettori su un futuro più verde e sulla sostenibilità.

Molte aziende di tutto il mondo hanno rinnovato la loro partecipazione e il loro interesse per il summit. 

E tra queste, oltre ad essercene molte (anche tra le stesse case di moda italiane) da sempre profondamente impegnate nella ricerca di un vero lusso sostenibile che rispetti l’ambiente, gli animali e il nostro pianeta, ce ne sono state molte che, nelle conferenze tenute durante la due giorni, hanno rivelato i valori che hanno permesso loro di svilupparsi nel tempo in un modo più ecologicamente sostenibile.

  1. La ricetta vincente per la sostenibilità delle aziende di moda presenti al summit danese

Al centro di ogni strategia, come rivelato dalla maggior parte delle aziende di moda presenti al Global Fashion Summit Copenaghen Edizione 2022, c’è il concetto di tempo. Ciò che è ecologico e sostenibile, infatti, è senza tempo, perché “eterno” e non di tendenza, ma allo stesso tempo durevole, sia da un punto di vista fisico, questo per quanto riguarda i materiali e la manifattura, nonché le sue potenzialità di riutilizzo, sia da un punto di vista puramente estetico, naturalmente, quindi dotato di un design adatto a ogni occasione.

Tra gli esempi di strategie ecologiche di successo, presentati durante l’evento, ci sono la creazione di piattaforme di e-commerce dove vengono vendute borse realizzate secondo i modelli di pelle delle passate edizioni e la creazione di applicazioni interne all’azienda per condividere e facilitare la gestione della sostenibilità e delle attività correlate.

  1. Il prodotto del futuro: progettato non per essere alla moda, ma per essere “eterno”

Anche il concetto stesso di prodotto è cambiato per molte case di moda. Se prima si tendeva a seguire le ultime tendenze, oggi molte aziende puntano a creare prodotti “eterni”, garantiti a vita e quindi indipendenti dalle stagioni, dalle tendenze e dai cambiamenti repentini della moda. Il fine ultimo di questa “nuova via”, almeno nelle intenzioni delle case di moda, non è solo quello di assecondare il desiderio delle persone di adottare uno stile di vita e un modo di vestire più ecologico e rispettoso del pianeta, ma anche quello di ridurre, per quanto possibile, lo spreco di acqua e la quantità di rifiuti che ogni anno finiscono nei nostri mari e oceani.

Chi è Cristiana Falcone

Cristiana Falcone vanta oltre 20 anni di esperienza professionale nella elaborazione di strategie ed implementazione di partnership per lo sviluppo del business maturata collaborando con i leader di aziende multinazionali (SONY, Shell, Revlon),  interagendo con organizzazioni governative internazionali (ILO, IFAD, FAO, UNDCCP, IADB) e operando nel mondo dei media (Radio Televisione Italiana, Gruppo Espresso, Univision, Viacom). 

Nel 2004 dirige la sezione Media, Intrattenimento, Informazione e Sport del World Economic Forum per poi diventare Senior Advisor dell’Executive Chairman e Fondatore che le affida in particolare la responsabilità dello sviluppo di servizi e prodotti innovativi e la valutazione del rischio geopolitico legato alle tecnologie emergenti.

Dal 2006 è CEO e membro del Consiglio di Amministrazione della JMCMRJ Sorrell Foundation che promuove iniziative innovative globali nell’ambito della salute, dell’educazione e della riduzione della povertà per il raggiugimento degli obiettivi UNSDG.E’ membro dei Consigli di Amministrazione del Paley Center for Media, di Internews, della Tufts University, del Summit Institute e della Fondazione Guido Carli.

USHARE, the Social Profit Marketing platform, is Effective Member in AVEDISCO

AVEDISCO, Italy’s first Direct Sales Association, was chosen by USHARE, the Social Profit Marketing platform that became an effective member during 2021.

Ushare was born in a context in which people are increasingly present in the online world, especially through social networks, which play an important role in people’s live. The company is focused on marketing and propose services and devices for the protection of people online data.

Whenever you use social networks you should think twice… social networks, but they’re not the only ones, give rise to a doubt: if you do not pay for these services, then you are not a user, but you are their product…and nobody pays you.

  1. What is the objective of Ushare and how it is different from social networks

Ushare‘s objective is to offer a concrete way to enhance the sharing experience and protect your personal data released on digital platforms, or using devices, communication tools and various technologies.

By registering on Ushare, users have the opportunity to buy DTCircle tokens and other products of the DTCircle ecosystem. 

The DTCoin, this is the name of the DTCircle token, works like a complementary currency to the FIAT and it’s actually spendable in the ecosystem to buy products and services.

In the digital asset market, the digital asset DTCoin is becoming increasingly popular and gaining more and more attention from the crypto community.

The novelty of DTCoin lies in the fact that it is for the first time based on Big Data, i.e.the information that users provide by surfing the web.

Big Data is an increasingly growing market, as the numbers also show: a total value of USD 456 billion has been realized for 2021 alone.

  1. Behind the scenes of Ushare’s adhesion to AVEDISCO

Ushare Social Profit Marketing became a member of AVEDISCO, agreeing to embrace the values and Code of Ethics of the Association, which, adopting the usual assessment criteria by which it is distinguished, provides the company with services and consultancy to guarantee consumers the usual standards of safety and quality.

After at least six months as a Candidate Member, AVEDISCO assessed the actual fairness of the business practices conducted by USHARE Social Profit Marketing in order to determine its subsequent status as an Effective Member.

Needless to say, the company passed the AVEDISCO test with high honors, because, since 1 August 2021, Ushare has become an Effective Member of the organization.

The news was announced by the association itself on its official website www.avedisco.it

Daniele Marinelli’s DT Circle economic system

Daniele Marinelli, after launching Umetaworld and starting a real digital revolution, presented his sustainable ecosystem, the DTCircle, and his Metaverse also at the World Economic Forum in Davos, which was held in Switzerland from 22 to 26 May 2022.

During the event, which this year was exceptionally held in May (it is usually organized in winter, but last year it was impossible due to the anti Covid restrictions also implemented by Switzerland and revoked only on February 17, 2022), the global powers were able to meet again in presence, to exchange ideas and to share solutions.

Marinelli had the arduous honor, and burden, of being one of the first speakers to speak during the World Economic Forum in Davos 2022: on May 22, 2022, his speech was followed by a carefully selected audience.

  1. Daniele Marinelli, the DTCircle and the presentation of his Metaverse

The entrepreneur, in addition to talking about the DT Circle and how it is already positively influencing the lives of thousands of people, during his conference also presented, for the first time ever in Switzerland, his Metaverse.

Many people listened and applauded him, including investors, business leaders, politicians, economists, celebrities belonging to the international jet set and journalists.

And Daniele Marinelli, needless to say, spoke about people and how, in a not too distant future, they will become the true value for companies that decide to open branches also on the metaverse, the true evolution of the Internet, due to the data they will provide voluntarily during their online sessions.

A result that, in addition to rewarding users with virtual currencies, will allow companies to develop more advanced products and services in line with the needs and expectations of the 3.0 public.

  1. Daniele Marinelli and his commitment to the freedom of the individual

More than 5 years ago, even before he started working on Umetaworld, his Metaverse, Daniele Marinelli had an epiphany.

He realized that some companies, without saying a word or notifying users first, through social networks and other online means collected large amounts of data which they then stored and used for advertising purposes, and this to the detriment of the privacy and consent of the individual user.

Hence his idea of creating the DTCircle, an ecosystem where users, if they want, can release their data online in exchange for virtual coins and other benefits.

However, Marinelli did not stop there and in fact, three years later, he presented Umetaworld, a virtual replica of the real world, based on an innovative VR technology, beating the Meta team (the former Facebook) on time.His Metaverse, a replica of the real world, is already accessible, but the entrepreneur, along with his team, is continuing to add one city after another to make it even more realistic.

Blog Daniele Marinelli su Big Data

  1. I Big Data sono dei grandi volumi di dati, difficili da gestire, sia strutturati che non strutturati, che inondano le aziende ogni giorno. Possono essere analizzati per ottenere informazioni dettagliate, che migliorano le decisioni e danno fiducia per compiere mosse aziendali strategiche. Con Daniele Marinelli abbiamo approfondito l’argomento ripercorrendo la breve storia dei Big Data.
    1. Breve storia dei Big Data

Il concetto di Big Data ha cominciato a prendere piede all’inizio degli anni Duemila, quando l’analista del settore Doug Laney articolò la definizione, ormai divenuta mainstream, di Big Data con le tre V:

  • Volume: oggi le organizzazioni raccolgono dati da un’ampia varietà di fonti, tra cui transazioni finanziarie, dispositivi intelligenti (IoT), apparecchiature industriali, video, immagini, audio, social media e altro ancora. In passato archiviare tutti questi dati sarebbe stato troppo costoso, ma l’archiviazione più economica usando Hadoop e icloud ha alleggerito il carico;
  • Velocità: con la crescita dell’Internet of Things, i flussi di dati nelle aziende hanno raggiunto una velocità senza precedenti e devono essere gestiti in modo tempestivo. Attualmente sensori e contatori intelligenti stanno guidando la necessità di gestire questi torrenti di dati quasi in tempo reale;
  • Varietà: i dati sono disponibili in tutti i tipi di formati, dai dati strutturati e numerici alle email, passando per i video e gli audio;

Circa ventidue anni dopo, nel mondo contemporaneo, i Big Data non solo stanno cambiando il sistema in cui il mondo utilizza le informazioni che giungono tutti i giorni nelle aziende, ma anche i metodi organizzativi all’interno delle imprese stesse.

  1. Perché i Big Data sono importanti?

L’importanza dei Big Data non ruota soltanto intorno alla quantità di dati che un’azienda riesce a ottenere e ad archiviare per eventuali usi futuri.

Sta anche nel modo in cui, quest’azienda, decide di utilizzare questi dati.

Per esempio, se sei un imprenditore, prendendo e analizzando questi dati da qualsiasi fonte, potrai trovare risposte che:

  1. Snelliscono la gestione delle risorse;
  2. Migliorano l’efficienza operativa;
  3. Ottimizzano lo sviluppo di un prodotto;
  4. Generano nuove opportunità di guadagno e di crescita;
  5. Consentono un processo decisionale intelligente;

Inoltre, quando combini i Big Data con l’analisi ad alte prestazioni, puoi anche svolgere attività relative al tuo business, come la determinazione delle cause profonde di guasti, problemi e difetti in tempo reale, l’individuazione delle anomalie in modo più veloce e con maggiore precisione rispetto all’occhio umano e il ricalcolo di interi portafogli di rischio in pochi minuti.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén